Archivi tag: Fantasie

Pensieri senza pensatore

Gruppo e Funzione Analitica. XXVII, 1, pp. 17-32

Abstract
I pensieri senza pensatore, i pensieri vagabondi attendono di essere ospitati, di ricevere una forma ed un’espressione comunicabile, dando inizio ad una catena di trasformazioni e determinando lo sviluppo della capacità stessa di pensare.
L’assetto mentale dello psicoterapeuta più adatto ad ospitarli è quello che allontana le interpretazioni immediate e crea uno spazio aperto

Articolo in pdf
pensieri-senza-pensatore

Introduzione al panel; “Uno spazio diverso per il concetto di fusionalità”

Rivista di Psicoanalisi, XXXI, 3,1985, pp.287-289 (in collaborazione con L.Pallier, G.C.Soavi, R.Tagliacozzo)

Abstract
Questa novella, tratta dal Decameron, è già stata presa in esame in un precedente articolo (v. riassunto 23). L’impiego della novella è volto però ad illustrare una ipotesi teorica diversa rispetto al contributo precedente

Articolo in PDF
introduzione-al-panel-uno-spazio-diverso-per-il-concetto-di-fusionalita

Gruppo e Individuo

Gruppo e Funzione Analitica, III ,2, 1982, pp. 21-28

Abstract
L’ipotesi teorica di questo lavoro inizia dall’osservazione di alcuni fenomeni caratteristici del gruppo a finalità analitica.
Una prima osservazione è relativa al fatto che i membri del gruppo mantengono la memoria di alcuni ricordi-eventi che non hanno mai avuto luogo o a cui attribuiscono un valore sproporzionato. Tali ricordi-eventi possono essere messi in relazione a microallucinazioni non percepite dai membri.
Questa ipotesi acquista un maggior significato accostandola ad una seconda osservazione clinica: dopo una fase di dispersione paralizzante di parole e di pensiero, nel gruppo può verificarsi una concentrazione dell’attenzione dei membri: come se tutti potessero fare riferimento ad un certo addensato di emozioni e fantasie. Si ipotizza che l’attività microallucinatoria presieda anche alla formazione di tale addensamento emotivo-fantasmatico, che verrebbe successivamente utilizzato dai membri del gruppo a finalità analitica per esercitare una attività conoscitiva.
Nella seconda parte del contributo si suggerisce che le microallucinazioni siano in correlazione ad evacuazioni di tensioni e frammenti di fantasie non tollerabili e che successivamente i materiali evacuati si condensino nella microallucinazione o visione-scarica.
Vengono infine descritti i concetti di “somiglianza immateriale” e di “produzione e recezione analogica” che rappresentano i processi principali che consentono nel gruppo 1’utilizzazione in senso simbolico delle microallucinazioni

Articolo in PDF
gruppo-individuo

Una mappa dell’immaginario nei gruppi: delimitazioni perimetrali, linee generali, indicazione di alcune fasi essenziali

Gruppo e Funzione Analitica, I, 2, 1978, numerazione della prima serie, pp. 31-42

Abstract
Questo contributo presentato al XXX Convegno su «Gruppo e Funzione Analitica» (Pavia, 1977) compie uno sforzo descrittivo del funzionamento del piccolo gruppo a finalità analitica (v. anche riassunto 30).
Una particolare attenzione è dedicata ai fenomeni della prima parte della seduta che hanno come risultato il costituirsi di una separazione (o forse qualcosa di più complesso con valore di membrana) tra quanto accade durante la seduta e prima o dopo di essa

Articoli in PDF 
una-mappa-immaginario-gruppi-delimitazioni-perimetrali-linee-generali-indicazione-alcune-fasi-essenziali