Archivi

L’identità gruppale

Koinos – Gruppo e Funzione Analitica, XIII, 2, 1992 (Intervista a cura di S. Marinelli)

Abstract
L’intervista apre il numero monotematico della rivista Koinos – Gruppo e Funzione Analitica dedicato al tema dell’identità. In particolare, vengono esaminati i criteri che differenziano la trasformazione dell’identità nel corso di un’analisi di gruppo e di un’analisi nel setting tradizionale (duale)

Articolo in PDF
l-identità-gruppale

Genius Loci. Structures psychiatriques intermédiaires et fonctions du groupe

Revue de psychotérapie psychanalytique de groupe, 19, 1992

Abstract
Viene descritta una funzione del gruppo (genius loci) di grande importanza per il senso di identità delle persone che ne fanno parte, differenziandola da quella del leader. Nell’ultima parte del lavoro sono tratteggiate alcune situazioni cliniche nelle quali la nozione di genius loci risulta utile.
Il lavoro è stato presentato a «5èmes Journées d’études francophones» (Lione, 3-4 aprile 1992); precedenti stesure sono state presentate al convegno «Anonimato e responsabilità» (Roma, 7 giugno 1991), organizzato da CESPR, SIPG e Lo Spazio Analitico di Roma, e in una versione ampliata al convegno «Abitare la follia» (Firenze, 27 marzo 1992)

Articolo in PDF
genius-loci-structures-psychiatriques-intermédiaires-et-fonctions-du-groupe

Campo analitico di gruppo

Borla, Roma, 1992, pp. 166

Abstract
Il libro, corredato da un glossario, si articola in varie parti, ognuna centrata su un argomento specifico:

  • Viene chiarito il punto di vista da cui sarà considerato il tema: la persona (analista, psicoterapeuta, monitore) che conduce il gruppo e ne ha la responsabilità;
  • Viene presentata la nozione di campo analitico del gruppo, che ha solo qualche marginale punto di contatto con il concetto di campo dinamico di K. Lewin ed è l’idea che caratterizza l’approccio metodologico e tecnico proposto;
  • La nozione di campo analitico del gruppo è collocata su uno sfondo mitologico che ne sottolinea la capacità evocativa;
  • Sono descritti alcuni miti della conoscenza e della trasformazione;
  • Si illustrano alcune funzioni specifiche del campo: sostegno affettivo, appartenenza e identità , autorappresentazione;
  • Si esamina il rapporto tra individui e campo, in particolare i «depositi stabili» e i «trasferimenti temporanei e reversibili» dei membri del gruppo;
  • Congedo e proposta di riflessione.