Archivi

Pensiero di gruppo

Koinos Quaderni, 2, 1995, pp.73-85

Abstract
Nella prima parte del testo si definisce il concetto di «mente di gruppo», distinguendo il funzionamento a livello basico (i membri del gruppo rispondono a stimoli collettivi attivando risposte automatiche) e a livello evoluto (i membri, pur essendo parte del gruppo, mantengono la propria individualità).
La seconda parte mette in evidenza il rapporto di complementarietà tra pensiero di gruppo e pensiero dell’individuo a livello evoluto.
Nella terza parte, infine, viene descritta la funzione terapeutica del pensiero di gruppo, in particolare la capacità di metabolizzare tensioni, emozioni e angosce

Articolo in PDF
pensiero-di-gruppo

Sistema di appartenenza istituzionale: riflessioni sulle difficoltà di lavoro nelle équipes psichiatriche e nei gruppi istituzionalizzati

Koinos Quaderni, 3, 1995, pp.30-32

Abstract
Nei gruppi istituzionalizzati (ad es. nelle équipe dei centri di igiene mentale e degli ospedali) si nota spesso un clima di apatia, disinteresse e conflittualità, come se il legame affettivo si potesse manifestare solo attraverso sentimenti negativi. Nel testo si ipotizza che tale legame possa diventare un vero e proprio «sistema di appartenenza istituzionale» che coinvolge sia gli operatori che i pazienti. L’analista deve saper riconoscere questo tipo di assetto del gruppo

Articolo in PDF
sistema-di-appartenenza-istituzionale-riflessioni-sulle-difficolta-di-lavoro-nelle-equipes-psichiatriche-e-nei-gruppi-istituzionalizzati

Fantasias transgeneracionales y fusionales en el analisi de una paciente agorafobica

Clinica y Análisis Grupal, XVIII, 71, 1995, pp. 23-46

Resumen
El desarrollo del trabajo comprende los siguientes puntos:
1) noción de fantasía transgeneracional; no diferenciación entre distintas personas y generaciones; manifestaciones patológicas y fisiológicas de la fantasía de “ser todo uno” con la madre y la familia;
2) modelo clásico de la agorafobia y modelo que da importancia central
a la escasa estructuración del Self; relación entre este modelo y la fantasía de “ser todo uno”; empleo clínico diferenciado del primer y segundo modelo según la fase del tratamiento analítico.
3) “espacio agorafóbico” y angustia de integración y de no-integración del Self; manifestación de vivencias de pérdida del Self en momentos regresivos y en momentos de evolución e integración.

Articolo in PDF
fantasias-transgeneracionales-y-fusionales-en-el-analisi-de-una-paciente-agorafobica