Archivi

La formazione dell’analista di gruppo

in La bottega dell’anima (a cura di S. Benvenuto e O. Nicolaus), Franco Angeli, Milano, 1990; pp. 239-245 (in collaborazione con M. Pelagalli)

Abstract
È parte di un volume dedicato alla formazione dello psicoterapeuta e alle diverse scuole che si propongono questo fine.
Il testo, sotto forma di intervista, riprende la nozione di «sistema di appartenenza istituzionale».

Articolo in PDF
la-formazione-dell-analista-di-gruppo

Fusionalità – Scritti di psicoanalisi clinica

Borla, Roma, 1990, pp. 171 (in collaborazione con L. Pallier, G. Petacchi, G.C. Soavi, R. Tagliacozzo

Abstract
Il libro è dedicato all’esplorazione di una fantasia costantemente presente nella situazione clinica, sia duale che di gruppo.
La «fusione» può essere immaginata con oggetti esterni o con oggetti interni, può essere cosciente o inconscia e rifiutata, può assumere carattere difensivo nei confronti di emozioni  e sentimenti spiacevoli (quali invidia o abbandono), ma può anche essere considerata come la realizzazione di un modo dell’essere sufficiente a se stessi. L’aspettativa fusionale frustrata può condurre a gravi patologie.
La ricerca su questo tema è proseguita per più di quindici anni e le ipotesi avanzate trovano appoggio in un ampio materiale clinico.
Alcuni contenuti del volume sono stati anticipati in precedenti pubblicazioni (Uno spazio diverso per il concetto di fusionalità 1985; Contenimento fusionale e relazione contenitore-contenuto, 1985; Dal rifiuto all’accettazione nell’analisi degli adulti, 1989; Keep Alive, 1989); il libro presenta però una nuova sintesi e tutti i testi sono stati rivisti e aggiornati. (Vedi i riassunti n. 55-56-80-81).

La pubblicazione in libreria

La relazione analitica di gruppo: illusione, intimità e franchezza

Gruppo e Funzione Analitica, XI, 1, 1990

Abstract
Partendo dal concetto di campo del gruppo a finalità analitica, si esamina la particolare dimensione della illusione e le sue possibili evoluzioni. L’illusione presente nel campo può avere sia aspetti positivi (condivisione di un sogno, di una illusione) che consentono ai membri del gruppo di sentire di essere insieme, sia aspetti negativi legati all’isolamento, al narcisismo distruttivo

 

Introduzione a D. Anzieu – J.Y. Martin, Dinamica dei piccoli gruppi

Ed. Borla, Roma, 1990 , pagg. III° VIII° (in collaborazione con N. Dazzi)

Abstract
Il testo mette in evidenza le caratteristiche della scuola francese che si è interessata ai gruppi e tratteggia uno schizzo della figura di Anzieu. Sono sintetizzati i principali temi trattati: nella prima parte, dopo un’attenta analisi del termine «gruppo», si delinea la nascita e lo sviluppo delle concettualizzazioni sui gruppi, per passare poi a descrivere teorie e metodi di indagine sui fenomeni di gruppo; la seconda parte si incentra sui temi fondamentali della dinamica di gruppo (comunicazione, potere, ruoli, resistenze, ecc.); la terza parte è dedicata alla psicoterapia di gruppo

Articolo in PDF
introduzione-anzieu-martin-dinamica-dei-piccoli-gruppi