Archivi tag: Scuola

Gruppi con adolescenti a scuola: la nostra esperienza

(in collaborazione con M. Bernabei e R. Girelli). Quaderni di Psicoterapia di Gruppo, 2, 1999, pp. 31-53

Abstract
Il testo si articola in due parti. Nella prima si descrive lo sviluppo di un modello di intervento con i gruppi nelle scuole elementari e superiori, la formazione dei conduttori e le caratteristiche di tre tipi di gruppo: di allievi, di genitori e di insegnanti.
La seconda parte analizza una ricerca, basata sul modello precedentemente descritto, condotta in una scuola superiore di Sora, il cui obiettivo era quello di valutare se il gruppo possa considerarsi uno strumento valido per prevenire e ridurre il fenomeno dell’abbandono scolastico

Articolo in pdf
gruppi-con-adolescenti-a-scuola-la-nostra-esperienza

Ideologia della libertà, dell’eguaglianza, della fraternità – esperienza in una scuola elementare di Centocelle e prime indicazioni operative e metodologiche

Quadrangolo, II, suppl. al n. 4, 1975, pp. 24-30

Abstract
Il contributo è stato presentato al convegno “Il bisogno psicologico di libertà”, organizzato dal centro studi psicoanalitici “Lo Spazio”. Vengono descritte alcune modalità utilizzate nella scuola per gestire tensioni, emergenti a livello relazionale, tra i bambini e tra questi e gli insegnanti. Utilizzando tecniche e di gruppo orientate in senso psicoanalitico, si evidenziano le regole proprie dell’istituzione e come queste possano promuovere o inibire l’evoluzione dei membri

Articolo in PDF
ideologia-della-liberta-dell-eguaglianza-della-fraternit-esperienza-in-una-scuola-elementare-di-centocelle-e-prime-indicazioni-operative-e-metodologiche

L’esperienza del vissuto del gruppo attraverso le associazioni del trainer

Rivista di Psichiatria, X, 6, 1975, pp. 567-573 (in collaborazione con C.A Barnà, B. Bonfiglio, A. Correale, C. De Toffoli, A. Seganti)

Abstract
Viene descritta la prima parte dell’esperienza di un T-group tenuto in una scuola primaria e secondaria (sintesi n. 7). Il tema specifico è l’esame del controtransfert e la descrizione dettagliata delle fasi attraverso cui si realizza una rielaborazione emotiva di quanto avviene nel gruppo da parte di uno dei conduttori

Articolo in PDF
l-esperienza-del-vissuto-del-gruppo-attraverso-le-associazioni-del-trainer

Lavoro psichiatrico in una istituzione scolastica mediante tecniche di gruppo

Il Lavoro Neuropsichiatrico, LII-LIII, 2, 1973 (in collaborazione con A. Del Lungo, C. Pilo Boyl, B. Woehler, G. Nebbiosi, F. Piperno)

Abstract
La comunicazione riguarda il lavoro svolto da un’équipe medico-psico-pedagogica presso la scuola elementare “A. Vespucci” di Roma, il cui organico conta 94 insegnanti, due dei quali assegnati alle classi differenziali.
L’équipe propone agli insegnanti un approccio diverso rispetto a quello delle classi differenziali per il trattamento dei bambini handicappati; attraverso gruppi di discussione allargati si perviene alla conclusione di reinserire i bambini già assegnati alle classi sperimentali.
Si costituiscono gruppi stabili di lavoro formati da 9-10 insegnanti e un membro dell’équipe. L’anno successivo si decide di riprendere i gruppi, con frequenza settimanale

Articolo in PDF
lavoro-psichiatrico-in-una-istituzione-scolastica-mediante-tecniche-di-gruppo

T-group su una intera istituzione: limiti di una situazione sperimentale

Il Lavoro Neuropsichiatrico, LII-LIII, 2, 1973 (in collaborazione con C. De Toffoli, C.A. Barnà, B. Bonfiglio, A. Noonan, A. Seganti)

Abstract
L’esperienza cui si fa riferimento è un corso seminariale di aggiornamento sulle dinamiche di gruppo per docenti di scuola primaria e secondaria, strutturato secondo la tecnica del T-group.
Rispetto al lavoro svolto si evidenziano due principali limiti metodologici: il primo riguarda la scelta tecnica del T-group, che mette in crisi schemi e modelli di riferimento; il secondo si riferisce alla conduzione da parte di professionisti esterni rispetto all’istituzione

Articoli in PDF
t-group-su-una-intera-istituzione-limiti-di-una-situazione-sperimentale

Non determinazione dei ruoli e recupero dello specifico: lavoro di un’equipe medico-psichico-pedagogica

Neopsichiatria, XXXVIII, suppl., 1972, pp. 176-289 (in collaborazione con C. Pilo Boyl, A. Del Lungo, S. Marinelli, G. Nebbiosi, B. Woehler)

Abstract
In questo contributo, presentato al convegno su “Lo Psicologo e le Istituzioni Psichiatriche nel momento attuale in Italia” (Volterra, 4-5 novembre 1972), si discute della utilizzazione di alcuni strumenti tecnici, nati all’interno della comunità terapeutica, in un diverso contesto istituzionale: la scuola. La variazione del contesto modifica una serie di condizioni e l’uso stesso degli strumenti di intervento; non è quindi ipotizzabile trasferire tout court il modello “comunità terapeutica” nelle strutture scolastiche. E’ invece possibile fondare nel contesto scolastico gruppi di lavoro per socializzare la discussione ed aprire vie di comunicazione diverse da quelle consuete della piramide gerarchica

Articolo in PDF
non-determinazione-dei-ruoli-e-recupero-dello-specifico-lavoro-di-un-equipe-medico-psichico-pedagogica